Autore:

Eritema da pannolino: medicinali omeopatici utili.

9 settembre 2014

eritemadapannolinoA cura del  dottor Ruggero Cappello, medico chirurgo, docente di omeopatia presso la Scuola di Medicina Bioterapica per medici e farmacisti, e docente di Medicina non convenzionale presso Uted (provincia di Trento).

Morbida, vellutata, tutta da coccolare, ma anche tanto delicata: ecco descritta la pelle dei più piccoli. Attraverso l’epidermide il bebè entra in contatto per la prima volta con il mondo esterno e può riconoscere la mamma grazie al senso del tatto. Non tutti sanno però che la pelle di un neonato è circa venti volte più sottile di quella di un adulto e per questo richiede un’attenzione speciale. Va quindi ben protetta, soprattutto nella zona del pannolino, particolarmente delicata. Oltre a qualche semplice consiglio quotidiano, può essere utile il ricorso all’omeopatia, che si dimostra una valida opportunità terapeutica per prevenire e trattare possibili irritazioni.

Eritema da pannolino: per saperne di più

Questa tipologia di dermatite da contatto può interessare molti bambini al di sotto dei due anni di età. Riconoscere il disturbo non è difficile: la cute si presenta arrossata nella zona del pannolino, su natiche e genitali. In alcuni casi l’arrossamento può aumentare e presentare eruzioni cutanee che tendono a manifestarsi in diverse aree. Tra le cause, oltre al contatto
prolungato con urina e feci, l’azione di sfregamento provocata dal pannolino sulle cosce e l’utilizzo di detergenti aggressivi.

Perché l’omeopatia può rivelarsi utile

“Molte mamme chiedono un parere sui trattamenti più indicati in caso di dermatite da pannolino: in base alla mia esperienza sono solito consigliare un approccio di tipo omeopatico. La cura omeopatica prevede di valutare le relazioni della patologia in atto con le predisposizioni familiari/genetiche, vale a dire, in questo caso, la presenza di allergie; la concomitanza delle due situazioni è un’indicazione sia per monitorare l’andamento dermatologico durante la crescita del piccolo, sia per predisporre una dieta adeguata soprattutto durante lo svezzamento.

I medicinali omeopatici inoltre – prosegue il dottor Cappello – si rivelano una valida soluzione, in quanto non presentano in generale tossicità chimica, controindicazioni, interazioni farmacologiche ed effetti indesiderati legati alla quantità di prodotto assunto. Infine, permettono l’utilizzo concomitante di altre terapie farmacologiche quando necessario”.

Un esempio di terapia omeopatica

Viola tricolor 5 CH, 3 granuli 3 volte al giorno, se il bimbo è soggetto a dermatiti ricorrenti

Belladonna 5 CH, 3 granuli 3 volte al giorno in caso di particolare arrossamento

Graphites 5 CH, 3 granuli 4 volte al giorno in caso di eritema localizzato nelle pieghe
cutanee con pelle secca e screpolata

Urtica 5 CH, 3 granuli 3 volte al giorno quando è presente prurito. Questo rimedio può anche
essere associato ai precedenti.

Per un’adeguata somministrazione ai bambini piccoli, i granuli omeopatici possono essere sciolti in poca acqua . Per velocizzare il processo di guarigione ed evitare complicazioni siconsiglia inoltre l’applicazione topica di un unguento come Ciderma per 1-2 volte al giorno. L’uso di Ciderma si presta molto bene in età pediatrica, in quanto non presenta in genere effetti collaterali e rischi di interazioni farmacologiche”.

Qualche utile consiglio quotidiano

• Detergere la pelle con acqua tiepida

• Per la pulizia ricorrere a prodotti non schiumogeni

• Evitare le salviettine a base di alcol

• Cambiare spesso il pannolino e scegliere di preferenza varianti super assorbenti

In caso di dermatite da pannolino è importante lasciare traspirare il più possibile la zona interessata dall’irritazione. Questo per evitare che si evolva in candidosi.

Se volete approfondire un argomento, utilizzate il nostro motore di ricerca, che vi proporrà tutti gli articoli di amicopediatra.it in cui l'argomento è trattato.



Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.