Autore:

Subito in forma dopo il parto con l’aiuto dell’omeopatia

21 novembre 2014

allattamento_alseno_2I consigli della dottoressa Fiorenza Zanchi, ginecologa esperta in omeopatia, per aiutare l’organismo a ritrovare il proprio naturale equilibrio dopo i 9 mesi della gravidanza. La dottoressa Zanchi è autrice, insieme a Gabriella Cella Al-Chamali, del libro “Dopo il parto – dalla parte della mamma” (ed. Fabbri). Inoltre, la dottoressa dà alcuni consigli sul sito http://www.letrasformazionidelladonna.it/wordpress/.

I giorni dopo il parto, e le mamme lo sanno bene, sono un crogiuolo di emozioni. Non c’è forse sentimento più intenso di quello di stringere il proprio bimbo tra le braccia per la prima volta. Ma tra le mille sensazioni che si provano, e la pianificazione dei tanti nuovi impegni, c’è anche spazio per qualche fastidio di natura fisica, legato alla particolare condizione in cui il corpo femminile si trova dopo la gravidanza. Dopo il parto, infatti, l’organismo ritorna piano piano “alla normalità”: si tratta di un percorso molto graduale, che richiede tempo e pazienza. Alcuni consigli legati allo stile di vita quotidiano, se messi in pratica con un pizzico di impegno e costanza, possono fare molto per rendere più semplice la fase del “post partum”: riprendere poco per volta l’attività sportiva ad esempio, seguire un’alimentazione il più possibile sana ed equilibrata, e cercare di prendersi cura di se stesse, compatibilmente con i nuovi ritmi della giornata legati al piccolino. Insieme a questi accorgimenti, è possibile ricorrere all’aiuto dei medicinali omeopatici: “L’omeopatia si rivela in molti casi una valida scelta terapeutica che mi sento di consigliare alle neomamme: molte di loro mi chiedono spesso un parere su come attenuare, ad esempio, la sintomatologia legata alle contrazioni uterine, ad astenia e affaticamento, alle ragadi al seno e agli altri fastidi che possono contraddistinguere il puerperio – dice a questo proposito la dottoressa Zanchi, ginecologa esperta
in omeopatia, e aggiunge – I medicinali omeopatici, infatti, grazie alle elevate diluizioni, sono praticamente privi di tossicità ed effetti collaterali noti, e non presentano rischi di interazione se associati ad altre terapie; sono inoltre pratici da assumere, anche senz’acqua”. Con il contributo del dottoressa Zanchi vediamo quali sono i principali disturbi che possono manifestarsi dopo il parto e relativi esempi di terapia omeopatica.

Nei giorni immediatamente successivi al parto i punti di sutura possono essere fastidiosi, ci sono dei medicinali omeopatici a cui è possibile ricorrere in questi casi:

Una terapia a base di medicinali omeopatici può sicuramente essere una buona soluzione per accelerare il processo di guarigione in caso di postumi da travaglio, oppure nel caso di un parto cesareo. Consiglio in particolare il ricorso ad Arnica montana, alla diluizione 5 CH, con posologia di 5 granuli 3 volte al giorno: questo medicinale è in particolare utile per favorire la rimarginazione dei tessuti e il riassorbimento delle ecchimosi. Una volta rimossi eventuali punti di sutura e ben rimarginata la ferita episiotomica, a livello topico invece si può applicare Arnigel, gel a base di Arnica montana, per 2/3 volte al giorno e al bisogno, massaggiando delicatamente la zona cutanea interessata fino al completo assorbimento. Il prodotto non va utilizzato su ferite aperte. Nei giorni successivi al parto possono inoltre manifestarsi delle contrazioni, in quanto l’utero torna gradualmente alle proprie dimensioni normali: nulla di anomalo quindi, ma se fossero molto dolorose, con senso di peso e abbondanti perdite di sangue, consiglio l’assunzione di Fraxinus 5 CH, con posologia di 5 granuli 3 volte al giorno.

Altri disturbi possono caratterizzare specificatamente il “post partum”:

Le emorroidi possono rappresentare un fastidio molto frequente: nella maggior parte dei casi si attenuano fino a scomparire un mese circa dalla data del parto. L’alimentazione in questi frangenti è molto importante: alle mie pazienti consiglio una dieta leggera, ricca di frutta, verdura e alimenti integrali, preziosi per tenere pulito l’intestino, e di bere molta acqua. Parlando invece di terapia omeopatica può essere utile l’applicazione di Avenoc unguento per 3-4 volte al giorno dopo un lavaggio locale. Dopo il periodo della gravidanza inoltre le gambe possono risultare gonfie, pesanti, insieme alla comparsa di disturbi a livello circolatorio: in questi casi consiglio l’assunzione sistematica di Arnica montana 5 CH, Hamamelis 5 CH e Vipera redi 15 CH, 5 granuli di ognuno 3 volte al giorno, da associare ad Hamamelis composè, 20 gocce in poca acqua prima dei pasti principali.

L’omeopatia può risultare utile anche dei disturbi legati all’allattamento:

In caso di mamme che allattano al seno possono verificarsi due diverse eventualità: la montata lattea risulta eccessiva, oppure, al contrario può manifestarsi un’ipogalattia, una ridotta produzione di latte. In entrambi i casi l’omeopatia offre una risposta: in caso di montata lattea eccessiva con ingorgo mammario consiglio Phytolacca 7 CH, mentre l’ipogalattia può essere favorevolmente influenzata dall’assunzione di Ricinus 5 CH. In entrambi i casi la posologia è di 5 granuli 3 volte al giorno. Durante l’allattamento inoltre sul capezzolo possono comparire delle ragadi, piccole screpolature, spesso dolorose: per alleviare il fastidio correlato, consiglio alle mamme il ricorso a Nitricum acidum 9 CH e a Graphites 9 CH, sempre con posologia di 5 granuli per 3 volte al giorno.

Molte neomamme riscontrano anche una perdita dei capelli. Anche in questo caso è possibile  ricorrere ad un aiuto di tipo omeopatico:

La caduta più o meno abbondante dei capelli prende il nome di “defluvium post partum”, ed è una delle manifestazioni più frequenti del periodo immediatamente successivo al parto. Alle pazienti che si rivolgono al mio studio per un consulto, prescrivo generalmente Sepia 9 CH, con posologia di 5 granuli 3 volte al giorno, ottima anche per affrontare meglio qualche inevitabile momento di tristezza o scoraggiamento.

Infine i medicinali omeopatici per fronteggiare un disturbo frequente e “fisiologico”:

la sensazione di spossatezza legata ai nuovi, particolari ritmi della giornata…Stanchezza e astenia sono disturbi naturalmente correlati alla grande fatica dovuta al travaglio e al parto. Per recuperare le energie, utili ad affrontare la nuova fase della vita che attende le neomamme, suggerisco di assumere Kalium carbonicum 30 CH, con posologia di 5 granuli 2 volte al giorno. Questo medicinale omeopatico è infatti particolarmente utile per ritrovare il tono psicofisico e alleviare la stanchezza.

Se volete approfondire un argomento, utilizzate il nostro motore di ricerca, che vi proporrà tutti gli articoli di amicopediatra.it in cui l'argomento è trattato.



Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.