​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate e autorevoli sulla salute del bambino. I contenuti sono scritti esclusivamente da medici pediatri e da professionisti qualificati in ambito medico-sanitario.

Traumi ai denti

bambino indica il suo dente che sta per cadere

La causa dei traumi ai denti è un colpo accidentale alla bocca. Sono più frequentemente coinvolti i denti anteriori (incisivi e canini).

Il dente può rimanere leggermente dondolante nell’alveolo (cioè nella cavità della mandibola a lui dedicata); può vedersi solo un po’ di sangue dalle gengive. In questi casi la guarigione avviene spontaneamente nel giro di qualche giorno.

Possibili sono inoltre la “lussazione” del dente, che viene spostato dalla sua sede normale (di solito viene ricacciato dentro l’alveolo) o la rottura del dente (con o senza il distacco di un pezzo), la perdita di un dente.

Cosa fare

Se un dente permanente è caduto, idealmente dovrebbe essere rimesso in sede possibilmente entro 15 minuti e comunque prima delle 2 ore. Se si tratta di un dente da latte, è possibile reimpiantarlo, ma la cosa non è così importante ed urgente:

  • lavate il dente con saliva o acqua;
  • rimettetelo voi stessi nell’alveolo, ovviamente per il verso giusto;
  • premete sul dente col pollice finchè la la parte più larga non si trovi allo stesso livello del dente vicino;
  • fate mordere al bambino un panno, in modo da bloccare il più possibile il dente (fino a che non raggiungete il dentista);
  • se non riuscite a rimettere il dente, conservatelo nel latte o in soluzione fisiologica o nella saliva e portate immediatamente il bambino dal dentista portando con voi il dente così conservato.

Quando consultare il medico

Consultate il dentista immediatamente se:

  • è caduto un dente permanente;
  • si è staccato un grosso frammento di dente;
  • in un dente fratturato è visibile un puntino rosso;
  • il dolore è molto forte;
  • il sanguinamento non si ferma dopo 10 minuti di pressione.

Consultate il dentista senza urgenza se:

  • è caduto un dente da latte;
  • è saltato via un piccolo frammento di dente;
  • in un dente si vede un segno di rottura;
  • il dente è stato spostato dalla sua sede abituale;
  • il dente dondola;
  • un dente è sensibile ai liquidi freddi;
  • avete qualsiasi dubbio da chiarire.

Negli altri casi non è necessario fare nulla. Se un dente da latte si muove un po’, date per qualche giorno al bambino dei cibi morbidi. Somministrate paracetamolo per il dolore.