​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate ed autorevoli sui temi della salute del bambino. I contenuti sono scritti da medici pediatri e professionisti qualificati in ambito medico.

Febbre e omeopatia: i rimedi dolci per il tuo bambino

pillole omeopatiche uscite fuori dal contenitore trasparente

L’ abbassamento delle temperature, il soggiornare in luoghi chiusi senza ricambio d’aria e la poca attenzione nel lavarsi le mani sono le principali cause dell’aumento delle malattie con componente febbrile nei mesi invernali. I medicinali omeopatici, possono aiutare a far fronte a queste evenienze. I genitori italiani si rivolgono sempre più spesso a un medico esperto in omeopatia quando il loro bambino, ancora in tenera età, è soggetto a ripetute febbriciattole di origine virale.

I primi consigli a carattere preventivo: è importante che al vostro bambino si lavino spesso e bene le mani, che non trascorra troppo tempo in spazi chiusi, e che, se questo è inevitabile, si abbia l’accortezza di cambiare frequentemente l’aria. Una volta assunte queste piccole e semplici regole di buona igiene, si può ricorrere anche in fase preventiva all’aiuto dei medicinali omeopatici.  E’ consigliabile tenere sempre a portata di mano Oscillococcinum®, medicinale omeopatico utilissimo per i tipici malanni invernali in cui è presente febbre. Oscillococcinum® può essere utilizzato sia in fase di prevenzione, che ai primi sintomi e anche in caso di convalescenza. Chiaramente la posologia cambia a seconda dei casi: si passa da una dose in fase preventiva, fino a tre assunzioni al giorno durante la comparsa dei sintomi influenzali e alle due giornaliere quando la sintomatologia è conclamata.
Nel bambino la sindrome influenzale si associa frequentemente alla comparsa di febbre. In caso di febbre superiore a 38° a esordio improvviso  è consigliabile assumere 5 granuli ogni 2 ore di Belladonna 9 CH, mentre in caso di febbre inferiore a 38° e che appare progressivamente, è preferibile somministrare 5 granuli ogni 6-8 ore di Ferrum phosphoricum 9 CH”.

Somministrare i medicinali omeopatici ai bambini è molto semplice: i granuli o i globuli, forme farmaceutiche specifiche dell’omeopatia, vanno lasciati sciogliere sotto la lingua. In alternativa, se il vostro piccolo fa i capricci, granuli e globuli possono essere sciolti anche in un po’ d’acqua, possibilmente oligominerale e a temperatura ambiente.
Non esistono differenze significative nella posologia dei medicinali omeopatici per i bambini rispetto agli adulti, questo perché i medicinali omeopatici sono estremamente diluiti, generalmente non presentano tossicità e sono adatti a pazienti di qualsiasi età.

Si possono assumere anche in concomitanza a terapie di farmaci allopatici. In generale, per tutti i medicinali omeopatici , è importante evitare di far bere e mangiare il vostro bambino almeno 5 minuti prima o nei successivi 15 minuti all’assunzione, per favorirne l’assorbimento attraverso la mucosa orale.

Per concludere oltre a una buona igiene delle mani e a non frequentare assiduamente luoghi troppo chiusi e affollati, è consigliabile utilizzare in casa un diffusore ambientale con qualche goccia di olio essenziale di eucalipto o menta, oltre ovviamente a fare attenzione che il vostro bambino segua un’alimentazione sana in cui non manchi la frutta di stagione.

Medico pediatra, esperto in omeopatia

Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.