​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate e autorevoli sulla salute del bambino. I contenuti sono scritti esclusivamente da medici pediatri e da professionisti qualificati in ambito medico-sanitario.

Come misurare la frequenza respiratoria dei bambini

mamma tocca il torace del bambino disteso sul letto

Per frequenza respiratoria si intende il numero di atti respiratori che un individuo compie in un minuto.

Si tratta di un parametro molto importante per individuare e valutare un’eventuale difficoltà respiratoria.

Si parla di tachipnea per indicare una frequenza respiratoria aumentata rispetto alla norma, e di bradipnea quando invece il numero di atti respiratori al minuto è più basso del solito.

La frequenza respiratoria nel bambino varia a seconda dell’età.

Ecco come misurare la frequenza respiratoria di un bambino e come interpretare il risultato della misurazione.

Come misurare la frequenza respiratoria in un bambino

  • Il bambino deve possibilmente essere a riposo e tranquillo.
  • Appoggiate una mano sull’addome, all’altezza della bocca dello stomaco; nell’altra tenete l’orologio.
  • Contate un respiro ad ogni sollevamento del torace, per circa un minuto.
  • Ripetete la misurazione almeno 3 volte.

Come interpretare il risultato

Età Frequenza indicativa a riposo
(atti respiratori al minuto)
Limite superiore di attenzione
(atti respiratori al minuto)
0 – 1 anni 23 – 39 < 2 mesi : > 60
> 2 mesi : > 50
1 – 2 anni 22 – 30 > 40
2 – 6 anni 21 – 28 > 40
6 anni  – pubertà 18 – 24 > 30
adulto 16 – 20 > 20

 

Pediatra di Famiglia a Bergamo (BG) – Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo, Regione Lombardia. Tutor di Pediatria per il corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia – Università degli Studi di Milano Bicocca.

Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.