​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate e autorevoli sulla salute del bambino. I contenuti sono scritti esclusivamente da medici pediatri e da professionisti qualificati in ambito medico-sanitario.

Mughetto

bambino con lingua bianca

Cos’è il mughetto

E’ l’infezione della mucosa della bocca da parte di un fungo, la candida, che cresce rapidamente sulla mucosa sfruttando l’umidità e l’abrasione della stessa per effetto della suzione (ciuccio, capezzolo, biberon). Il neonato, soprattutto se pretermine, e il lattante dei primi mesi è pertanto particolarmente esposto a tale infezione, anche perché il suo sistema immunitario è relativamente poco efficiente nei confronti dei funghi. Dopo i primi mesi l’infezione da candida della bocca è infrequente e, soprattutto se persistente, deve essere segnalata al medico.

Il fungo colonizza anche il materiale poroso del ciuccio o della tettarella, e anche il capezzolo, per cui spesso tende a recidivare se questi non vengono adeguatamente sterilizzati o, nel caso del capezzolo, il trattamento non viene esteso anche ad esso. L’infezione può essere favorita dai trattamenti antibiotici, che eliminano la flora batterica orale.

Il mughetto d’altra parte non attecchisce su tessuti e organismi normali, per cui di fatto non è contagioso, cioè non si trasmette da una persona all’altra.

I sintomi del mughetto

Questi i principali sintomi:

  • placchette bianche, di forma irregolare;
  • localizzate sulla mucosa della bocca e talora anche della lingua (quasi mai è interessata solo la lingua);
  • aderenti alla mucosa (non si riesce a lavarle via o ad asportarle come i depositi di latte).

Spesso, in concomitanza col mughetto, compare un eritema da pannolino, anch’esso sostenuto da un’infezione da candida, che sfrutta anche qui l’umidità e l’irritazione della cute determinata dalle urine e dalle feci.

Molto più rara invece la propagazione del mughetto al faringe e all’esofago (cioè al primo tratto del tubo gastroenterico).

Cosa fare

  • Si possono effettuare applicazioni di acqua e bicarbonato, mediante una garzina sterile avvolta attorno al dito. Le applicazioni debbono essere estese anche al capezzolo e all’areola se il bambino è allattato al seno.
  • Tettarelle e ciuccio debbono essere attentamente sterilizzati.
  • Nel caso il medico abbia prescritto un trattamento con un farmaco antifungino, questo deve sempre essere applicato anche sul capezzolo e sull’areola, se il bambino è allattato al seno.

Quando consultare il medico

Consultate il medico nelle ore di studio se:

  • il trattamento con acqua e bicarbonato non ha effetto dopo una settimana, perché il medico confermi la diagnosi ed eventualmente prescriva un farmaco antifungino;
  • nonostante la terapia prescritta dal medico, il mughetto sembra peggiorare;
  • il bambino ha più di 6 mesi;
  • il bambino ha febbre, in modo apparentemente inspiegabile.

Pediatra di Famiglia a Bergamo (BG) – Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo, Regione Lombardia. Tutor di Pediatria per il corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia – Università degli Studi di Milano Bicocca.

Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.