​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate ed autorevoli sui temi della salute del bambino. I contenuti sono scritti da medici pediatri e professionisti qualificati in ambito medico.

Come prevenire gli incidenti domestici del bambino da 0 a 3 mesi

neonato di pochi mesi disteso sul fasciatoio

Pochi sanno che vi è un rischio di incidenti anche nei primissimi mesi di vita. Nei primi tre mesi di vita il bambino non è autonomo rispetto ai suoi bisogni e dipende totalmente dalle cure degli adulti. Accudimento, soprattutto in questa fase della vita, significa anche protezione dai pericoli tra le mura domestiche. Ecco alcuni consigli.

Pericoli
Come prevenire
Animali domestici

(trauma, ferita, soffocamento)

  • Non lasciate mai solo il bambino piccolo in compagnia di un cane, soprattutto se di grossa taglia, o di un gatto.
Antiparassitari

(avvelenamento)

  • Non applicateli mentre il bambino è in giardino.
Carrozzina

(trauma, ferita)

  • Se il bambino è nella carrozzina, assicuratevi che sia in una posizione dove non corra il rischio di essere urtata.
Culla

(soffocamento)

  • Il cuscino deve essere del tipo antisoffocamento, alto da 2 a 4 cm, in gommapiuma, con fori di areazione
  • Fate dormire il bambino preferibilmente e a pancia in su o sul fianco
  • Pigiama, lenzuola e coperte devono essere fatti di tessuto non infiammabile.
Detersivi

(avvelenamento)

  • Non travasate un detersivo in bottiglie di bibite o di acqua minerale, neppure se ne specificate il contenuto con un’etichetta! Potreste sbagliarvi nella preparazione del latte.
Diserbanti

(avvelenamento)

  • Riponeteli in luoghi inaccessibili e in contenitori a chiusura ermetica e con etichetta ben leggibile.
  • Non applicateli su superfici con cui il bambino può venire a contatto.
  • Non applicateli mentre il bambino è in giardino.
Doccia, vasca da bagno

(trauma, ustione)

  • Attenzione all’uso degli oli da bagno: il piccolo vi può scivolare di mano!
  • Regolate l’acqua del boiler ad una temperatura non superiore a 50°C.
  • Controllate sempre la temperatura dell’acqua prima di immergervi il bambino.
Fasciatoio

(trauma, ferita)

  • Non lasciate mai il bambino solo sul fasciatoio.
  • Disponetelo in un angolo della stanza.
Finestre

(trauma, ferita)

  • State molto attenti quando vi affacciate alla finestra col bambino in braccio; non lasciate che questo venga fatto da un fratellino più grande.
Impianto di riscaldamento

(avvelenamento)

  • Preferibile quello centralizzato o autonomo, con caldaia esterna.
  • Da evitare gli apparecchi a fiamma libera (stufe a kerosene, caldaiette interne a gas, stufe a legna,ecc), perché consumano ossigeno e comportano il rischio di intossicazione da ossido di carbonio.
  • Nel caso queste soluzioni siano inevitabili, rispettate accuratamente le raccomandazioni in termini di ricambio dell’aria e di manutenzione degli apparecchi, che vanno comunque posti in punti non accessibili al bambino e lontani da giocattoli, tendaggi e quant’altro possa facilmente prendere fuoco.
  • Tenete a disposizione per ogni evenienza e in buono stato di efficienza uno o più estintori a schiuma.
Infant-sit, sdraietta

(trauma, ferita)

  • Deve essere stabile e indeformabile, provvisto di piedini antiscivolo e cintura di sicurezza; alcuni sono provvisti di gancio di sicurezza anti-caduta.
Lettone

(soffocamento)

  • Attenzione a non soffocare inavvertitamente il bambino col vostro corpo dormendo insieme nel lettone.
Liquidi caldi

(ustione)

  • Non bevete mai il caffè o il tè o la camomilla con il bambino in braccio.
Scaldabagno a gas

(avvelenamento)

  • Evitatene se possibile l’installazione.
  • Se non ne potete fare a meno, seguite scrupolosamente le racomandazioni sul ricambio d’aria e sulla manutenzione.
Stufetta ad aria

(folgorazione)

  • Azionate la stufetta ad aria prima e non durante il bagno.