​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate e autorevoli sulla salute del bambino. I contenuti sono scritti esclusivamente da medici pediatri e da professionisti qualificati in ambito medico-sanitario.

Dolore agli arti

bambina si tocca il piede dolorante

Di cosa si tratta

E’ il dolore accusato dal bambino agli arti superiori o inferiori.

Come per tutti i tipi di dolore accusati dal bambino, ci si trova di fronte a due dubbi:

  1. il dolore esiste veramente? E’ forse un dolore “strumentale”, con cui, cioè, il bambino attira su di sé l’attenzione dei genitori, magari “imitando” qualche familiare che ne è affetto veramente?
  2. il dolore dipende da una causa banale o è la spia di una patologia importante?

I dolori agli arti possono essere di varia natura:

  • dolori muscolari in corso di malattie virali/febbrili;
  • crampi muscolari, con dolore di breve durata (pochi minuti) prevalentemente notturno (si verificano in 1/3 dei casi al piede e al polpaccio;
  • contrattura muscolare da sforzo (il dolore in tal caso è continuo e può durare anche qualche giorno);
  • traumi muscolari (talvolta passati inosservati).
  • i “dolori di crescita”: sono quasi sempre di lieve intensità e non si associano a gonfiore, arrossamento, zoppia, febbre, limitazione dei movimenti. Sono in genere localizzati ai polpacci e ai piedi e si verificano più spesso la sera o la notte.

Quando il dolore persiste o si ripresenta spesso, dovrà essere il medico a valutare la situazione.

Cosa fare

In presenza di un crampo muscolare:

  • stirate il piede e le dita verso l’alto finchè lo spasmo non si risolve;
  • massaggiate il muscolo dolente;
  • applicate una borsa dell’acqua calda;
  • fate eseguire al bambino giornalmente degli esercizi di stretching.

Quando consultare il medico

Consultate il medico immediatamente se:

  • il dolore è molto forte;
  • vi è gonfiore ad una articolazione;
  • vi è zoppia o comunque limitazione al movimento di un’articolazione;
  • il bambino sembra stare male.

Consultate il medico senza urgenza se:

  • c’è febbre;
  • il dolore disturba molto il sonno;
  • il dolore dura più di 3 giorni;
  • il problema si ripresenta spesso;
  • avete qualsiasi dubbio da chiarire.