​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate e autorevoli sulla salute del bambino. I contenuti sono scritti esclusivamente da medici pediatri e da professionisti qualificati in ambito medico-sanitario.

Fimosi

bambino sorridente su sfondo bianco piegato in avanti

Cos’è la fimosi

E’ l’anormale restringimento del prepuzio (cute che riveste la punta del pene), tale da impedire di scoprire completamente il glande (punta del pene).

Nei primi anni di vita l’adesione del prepuzio al glande è del tutto normale e non richiede alcun trattamento (tanto meno una “forzatura” del prepuzio!); non destano alcuna preoccupazione neppure quelle raccolte biancastre spesso visibili tra prepuzio e glande: non si tratta di pus, ma di smegma (secrezione prodotta fisiologicamente dalle ghiandole del solco balano-prepuziale, il solco che sta tra prepuzio e glande), che non comporta nessun problema o rischio particolare.

Queste aderenze devono essere rimosse dal medico solo se:

  • il restringimento ostacola la normale emissione dell’urina;
  • il bambino ha frequenti balanopostiti dovute alla difficoltà a mantenere pulito il glande e il solco balanoprepuziale;
  • la situazione persiste oltre i 5-6 anni di vita.

Solo di rado, in caso di fimosi “vera” (cioè di un prepuzio molto stretto), bisogna ricorrere all’intervento chirurgico (circoncisione).

Cosa fare

In caso di scollamento delle aderenze balanoprepuziali, la rimozione delle aderenze lascia spesso prepuzio e glande abbastanza infiammati; ciò può facilmente portare le aderenze a riformarsi, se i genitori e il bambino non seguono i seguenti suggerimenti:

  • mantenete una adeguata igiene della zona, eventualmente con una soluzione antisettica;
  • tirate indietro regolarmente e completamente il prepuzio, preferibilmente dopo il bagno o il bidet, quando la pelle è più morbida.;
  • se il bambino accusa dolore, eventualmente applicate una pomata anestetica, su indicazione del pediatra;
  • consultate il medico successivamente se: il dolore non si attenua entro 2-3 giorni; il bambino non riesce a urinare; compaiono secrezioni gialle.

Quando consultare il medico

In ogni caso, consultate il medico se:

  • il restringimento è tale da ostacolare la normale emissione dell’urina, per cui il getto di urina non è uniforme, o è debole, o è molto lungo e sottile;
  • il bambino ha frequenti balanopostiti;
  • il bambino ha 5-6 anni e non si riesce assolutamente a scoprire il glande.