​​

Informazioni e consigli sulla crescita e la salute del bambino, scritti esclusivamente da medici pediatri e professionisti qualificati.

Patereccio (giradito)

mano di bambino con indice alzato

Cos’è il patereccio

E’ un’infezione della piega della pelle che circonda l’unghia, di solito causata da batteri come   stafilococco e streptococco. L’abitudine a tirare o mordicchiare la pellicina ai lati delle unghie, ma anche il succhiamento del pollice, un taglio eccessivo o scorretto dell’unghia o l’unghia incarnita favoriscono la penetrazione dei batteri.

I sintomi del patereccio

In caso di La zona intorno all’unghia, abbastanza improvvisamente, diventa:

  • arrossata, tesa e dolente;
  • spesso presenta una grossa pustola gialla al confine tra pelle e unghia, da cui talora fuoriesce del pus.

Nella gran parte dei casi l’infezione si risolve in una settimana con un trattamento domiciliare. Raramente l’infezione tende a estendersi al resto del dito (in tal caso il dolore si intensifica e l’arrossamento e il gonfiore si estendono verso la base del dito) o a propagarsi nel sangue (con comparsa di febbre).

Terapia

Solitamente è sufficiente una terapia “casalinga” per una settimana, che consenta di drenare l’infezione all’esterno, impedendone la propagazione in profondità.

Talora però è necessario l’intervento del medico, che può consistere nell’incisione della raccolta purulenta e/o nella prescrizione di una terapia antibiotica per bocca.

Non sono invece utili le pomate antibiotiche, in quanto la loro azione non arriva sufficientemente in profondità per sconfiggere i batteri annidati sotto l’unghia.

Cosa fare

  1. Fate degli impacchi caldo-umidi con garze sterili imbevute di acqua bollita tiepida, per 10 minuti, 3 volte al giorno, fino a completa guarigione; se al termine dell’impacco fuoriesce del pus, spremetelo fuori delicatamente e poi disinfettate con un disinfettante a base di iodopovidone
  2. Consultate subito il medico se:
  • c’è febbre;
  • l’infezione sembra estendersi al resto del dito (dall’unghia partono delle striature rosse) oppure all’intera falange (che appare gonfia, rossa e tesa), o se circonda completamente l’unghia;
  • si vede del pus sotto la radice dell’unghia;
  • avete qualsiasi dubbio da chiarire.

3. Consultate il medico successivamente se:

  • la situazione non migliora entro 48 ore di trattamento;
  • la situazione non è completamente risolta entro una settimana.

Prevenzione

  • Tagliate correttamente le unghie del bambino, preferibilmente dopo il bagno (quando le unghie sono più morbide), facendo attenzione a non tagliare la pellicina attorno all’unghia e a smussare bene gli angoli
  • Insegnate al bambino a non mordicchiare le unghie e a non strappare la pellicina intorno; date anche voi il buon esempio!

Pediatra libero professionista a Bergamo. Tutor di Pediatria per il corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia – Università degli Studi di Milano Bicocca.

Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.