Informazioni e consigli sulla crescita e la salute del bambino, scritti esclusivamente da medici pediatri e professionisti qualificati.

Vaccinazione contro la parotite: ecco perché serve davvero

La parotite (comunemente conosciuta con il nome di “orecchioni”) è una infezione virale che determina solitamente un gonfiore di una o più ghiandole salivari che dura circa una settimana. Vi sono però delle possibili complicazioni che possono comprendere infiammazione dei testicoli, meningiti asettiche, infiammazione del pancreas e delle ovaie e sordità permanente e sterilità negli adolescenti o giovani adulti maschi.

Proprio perché si tratta di una malattia pericolosa, è prevista la vaccinazione obbligatoria contro la parotite per tutti i nuovi nati ai 15 mesi di vita. Il vaccino è molto efficace (nel 95% dei casi dopo la prima dose e nel 99% dei casi già dopo il primo richiamo) e garantisce protezione per tutta la vita.

E’ più pericolosa la malattia o il vaccino?

E’ questa una domanda che molti genitori si pongono.

E’ bene sapere che il vaccino è sicuro e ben tollerato. La malattia invece provoca frequentemente complicazioni anche gravi.

Effetti collaterali del vaccino contro la parotite

Quasi tutti (80%) i bambini che ricevono il vaccino (da solo o nella trivalente morbillo-parotite-rosolia o tetravalente morbillo-parotite-rosolia-varicella,) non hanno effetti collaterali.

La maggior parte di quelli che sviluppano effetti collaterali hanno reazioni lievi, come dolore, rossore e gonfiore nel punto della iniezione, una leggera eruzione cutanea similmorbillosa (e/o simil varicellosa in caso di tetravalente), febbre da lieve a moderata, ingrossamento dei linfonodi o delle parotidi, gonfiore delle articolazioni (artrite, nel 15% dei casi). Nel 5-15% dei vaccinati si può avere febbre fino a 39°C. Questi inconvenienti si verificano in genere da 5 a 12 giorni dopo la vaccinazione e possono durare fino a due giorni.

In rari casi (3 ogni 10.000, ovvero 0,03%) i bambini possono avere reazioni moderate come convulsioni correlate alla febbre alta.

In casi estremamente rari (da 0,2 a 0,4 ogni 10.000, ovvero 0,002/0,004%) si può avere una riduzione delle piastrine nel sangue che può causare temporanee piccole emorragie.

Reazioni allergiche di tipo anafilattico con ipersensibilità e gonfiore della bocca, difficoltà del respiro, pressione bassa e shock sono del tutto eccezionali (meno di 1 caso ogni milione di vaccinati), così come l’encefalite.

Vaccino parotite e autismo: cosa c’è di vero?

In passato è stata fatta l’ipotesi che il vaccino MPR (morbillo-parotite-rosolia) potesse causare autismo. Le ricerche scientifiche eseguite per valutare questa ipotesi hanno invece dimostrato che lo sviluppo dell’autismo non è assolutamente correlato all’uso del vaccino MPR o di qualsiasi altro vaccino.

Quindi, riassumendo: il vaccino protegge per tutta la vita e soprattutto già dai primi anni di vita da una malattia che provoca frequentemente complicazioni, è sicuro e con pochissimi effetti collaterali!

Pediatra libero professionista a Bergamo. Tutor di Pediatria per il corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia – Università degli Studi di Milano Bicocca.

Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.