Informazioni e consigli sulla crescita e la salute del bambino, scritti esclusivamente da medici pediatri e professionisti qualificati.

Perché il latte materno è un alimento perfetto

Il latte materno è un alimento perfetto.

Il latte materno contiene tutto quello che serve al bambino per crescere sano e forte.
L’ Organizzazione Mondiale della Sanità e tutte le più importanti associazioni pediatriche nazionali e internazionali lo ritengono il miglior alimento per un neonato e consigliano, quando possibile, l’allattamento al seno esclusivo per i primi sei mesi di vita e la prosecuzione dell’allattamento al seno anche dopo lo svezzamento, fino a quando mamma e bambino lo desiderano.

Vediamo il perché.

Il latte materno è perfetto per i cuccioli della specie umana

Il latte materno è in grado di modificare la sua composizione man mano che il tuo bambino cresce e soddisfa  sempre in modo perfetto le esigenze nutrizionali dei suoi primi mesi di vita.

Alla nascita è presente sotto forma di un liquido denso e giallognolo chiamato colostro, molto ricco di proteine indispensabili per la crescita, di sali minerali e di anticorpi che proteggeranno il bimbo dalle infezioni causate dai  microorganismi con cui entrerà in contatto dopo i mesi  trascorsi al sicuro nella pancia della mamma.

Dopo 2-5 giorni il colostro diventa più chiaro meno denso e  e si trasforma in  latte di transizione che contiene più  zuccheri  e grassi e che sono molto utili per fornire energia e per la corretta formazione delle strutture cerebrali.

Nel giro di una decina di giorni il bambino sarà nutrito con  il latte maturo che ha una composizione perfettamente equilibrata: contiene proteine, zuccheri, grassi, sali minerali, vitamine ed acqua ed è  in grado di soddisfare tutti i bisogni di crescita fino a sei mesi.

Nessun latte di animali d’allevamento è invece adatto per la nutrizione umana nei primi 12 mesi di vita: il latte di mucca, asina, pecora e capra hanno infatti una composizione perfetta per i cuccioli di quella specie ma che esporrebbe il neonato a gravi deficit e squilibri nutrizionali, mettendone a rischio la sopravvivenza.

Il latte materno si adatta ai bisogni del bambino

Il latte delle mamme di bambini prematurisarà più ricco di proteine e lattosio per dare al piccolo più energia e più slancio per recuperare la crescita.

Se la mamma allatta d’estate quando fa molto caldo, il latte diventerà meno denso e fornirà più acqua per idratare adeguatamente il bambino; se invece allattea d’inverno quando fa freddo diventerà più denso e ricco di calorie.

Ma non è tutto! Il latte della mamma è diverso anche nelle varie fasi della poppata: nella fase iniziale contiene più acqua e zuccheri per permettere al piccolo di dissetarsi e avere subito energia disponibile; poi man mano si arricchisce delle proteine che lo fanno crescere e nella fase finale della poppata aumentano i grassi che lo fanno sentire sazio e gli danno una scorta di energia fino alla poppata successiva.

Il latte della mamma protegge dalle infezioni e può prevenire le allergie e l’obesità

Il latte materno contiene anticorpi chiamati Immunoglobuline di tipo A che “tappezzano” l’intestino e aiutano il  bambino a difendersi dai virus e dai batteri.

Molti studi hanno anche dimostrato che i bambini allattati in modo esclusivo al seno nei primi sei mesi di vita presentano allergie più raramente e hanno minori problemi di sovrappeso negli anni successivi rispetto ai bambini allattati al biberon.

Il latte materno è perfetto dal punta di vista igienico

Il latte materno è sempre freschissimo essendo stato appena  prodotto dalle ghiandole mammarie del  seno stimolato dalla suzione del bimbo e sempre ad una temperatura perfetta che è quella del corpo.

Se hai qualsiasi dubbio sull’allattamento, rivolgiti al tuo pediatra o ad una ostetrica specializzata in sostegno all’allattamento.

Pediatra Libero Professionista a Cantù (CO). Tutor di Pediatria per il corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia – Università degli Studi di Milano Bicocca.

Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.