Informazioni e consigli sulla crescita e la salute del bambino,
solo da medici pediatri e professionisti qualificati.

Informazioni sulla crescita e la salute del bambino,
solo da medici pediatri e professionisti qualificati.

Prebiotici, probiotici e postbiotici: cosa sono e quando servono

Nell’intestino vivono miliardi di microrganismi, in particolare batteri, che nel loro insieme costituiscono il microbiota intestinale (o flora batterica intestinale).

Il microbiota intestinale ha un ruolo centrale nel mantenimento della salute dell’intero organismo mentre un’alterazione del microbiota è associata a numerose patologie.

Per mantenere un buon microbiota sono necessari una corretta alimentazione ed uno stile di vita salutare (fare attività fisica, limitare per quanto possibile l’uso di famaci, in particolare antibiotici, e in età adulta evitare o comunque limitare l’uso di alcool e fumo).

Prebiotici, probiotici e postbiotici possono contribuire a mantenere “in salute” il nostro microbiota intestinale o ripristinarne l’equilibrio quando questo è alterato (disbiosi).

Vediamo quindi cosa sono, quando servono e perché è sbagliato chiamarli genericamente “fermenti lattici”.

Cosa sono i prebiotici

I prebiotici sono fibre non digeribili che, una volta raggiunto l’intestino, favoriscono la crescita e l’attività di di una o più specie batteriche benefiche. In pratica, fungono da nutrimento per la flora batterica intestinale. I prebiotici sono contenuti in particolare in alcune verdure (cicoria, carciofi, asparagi, possi), alcuni cereali (grano, avena, orzo), aglio, cipolle, soia e miele.

Oltre che con l’alimentazione, i prebiotici possono essere assunti attraverso integratori alimentari a base di sostanze appartenenti al gruppo dei carboidrati (cioè degli zuccheri): inulina, i FOS (fruttoligosaccaridi), i GOS (galattoligosaccaridi) e il lattulosio.

L’assunzione di prebiotici attraverso la dieta o, quando necessario, attraverso integratori aiuta a mantenere in salute il microbiota intestinale.

L’assunzione di prebiotici è invece controindicata in caso di sindrome dell’intestino irritabile e di intolleranza al lattosio.

Cosa sono i probiotici

I probiotici sono microrganismi vivi e attivi che sono in grado di raggiungere l’intestino ancora vitali, dove esercitano un’azione di equilibrio sulla microflora intestinale colonizzandola e moltiplicandosi.

I probiotici, quando somministrati in quantità adeguate, favoriscono l’equilibrio della microflora intestinale ed hanno un effetto benefico sulla salute del microbiota.

Le principali fonti alimentari di probiotici sono alcuni derivati della fermentazione del latte o di altri alimenti. I probiotici possono anche essere assunti attraverso specifici integratori.

I probiotici sono utili soprattutto per ristabilire l’equilibrio intestinale compromesso (ad esempio a seguito di malattia, assunzione di antibiotici, stress, variazioni della dieta). Nei bambini sono particolarmente indicati in caso di infezioni intestinali (molto frequenti in età pediatrica) e per alcune forme di dermatite atopica o allergia.

Anche se si tratta di prodotti in libera vendita (senza prescrizione medica) è sempre opportuno chiedere consiglio al proprio pediatra o al proprio farmacista prima di assumere un probiotico.

Probiotici o fermenti lattici?

I fermenti lattici sono tutti quei microrganismi vivi in grado di fermentare il lattosio (uno zucchero presente soprattutto nel latte e in alcuni suoi derivati). I fermenti lattici sono utilizzati per la fermentazione del latte e la produzione di yogurt e sono presenti nel prodotto fermentato finale. Tuttavia questi microrganismi nella maggior parte dei casi non sono in grado di raggiungere vivi l’intestino, poiché non sopravvivono al passaggio attraverso i succhi gastrici dello stomaco. Non hanno quindi alcun effetto benefico sul microbiota intestinale.

Anche i probiotici sono in grado di fermentare il lattosio – e sono quindi a tutti gli effetti dei “fermenti lattici” – ma, a differenza degli altri fermenti lattici non probiotici, riescono ad arrivare vivi nell’intestino.

Cosa sono i postbiotici

I postbiotici sono prodotti che derivano dai batteri che vengono rilasciati durante i processi di fermentazione di alcuni alimenti. Hanno un effetto simile a quello dei probiotici e risultano in particolare efficaci contro infiammazione e infezioni croniche.

I postbiotici sono presenti in molti alimenti che hanno subito il processo di fermentazione (tra cui lo yogurt, il kefir, il miso, il pane lievitato con lievito madre, i crauti e, per gli adulti, vino e birra, che vanno però consumati con moderazione).

Possono anche essere assunti sotto forma di integratori, su indicazione del medico o del pediatra.

Per concludere

  • Rivolgiti al tuo pediatra di fiducia quando alcune condizioni minacciano l’equilibrio della microflora intestinale del tuo bambino (malattie, terapie antibiotiche, stati di stress o stanchezza, diete non equilibrate).
  • In questi casi, il pediatra valuterà quale integratore a base di prebiotici o probiotici sia più adatto per il tuo bambino.

Pediatra di Famiglia a Santa Maria Capua Vetere (CE) – ASL Caserta – Regione Campania

Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.