​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate e autorevoli sulla salute del bambino. I contenuti sono scritti esclusivamente da medici pediatri e da professionisti qualificati in ambito medico-sanitario.

Traumi agli occhi

bambino con benda nell'occhio

Ci si riferisce qui ai traumi all’occhio che interessano il bulbo oculare, le palpebre e la zona circostante.

Si può andare dall’ecchimosi (il cosiddetto “occhio nero”) all’abrasione della cornea (la parte trasparente che si trova davanti alla zona “colorata” dell’occhio), alla ferita penetrante del bulbo oculare.

Al di là del tipo di trauma (è spesso peggiore lo sfregamento di un rametto rispetto alla collisione contro una porta), ciò di cui ci si deve soprattutto preoccupare è verificare che il bambino continui a vederci bene. Nel dubbio, meglio farlo controllare.

Quando consultare il medico

Consultate il medico immediatamente se:

  • la pelle è lacerata e necessita di punti di sutura;
  • vi sono tagli sulla palpebra o sul bulbo oculare;
  • il dolore è forte;
  • gli occhi continuano a lacrimare o il bambino strizza continuamente gli occhi;
  • il bambino tiene chiuso l’occhio e non vuole assolutamente aprirlo;
  • il bambino sembra non vederci bene da un occhio, o ci vede doppio, o non riesce a guardare verso l’alto;
  • vi è sangue dietro la cornea (la parte trasparente del bulbo oculare);
  • l’occhio è stato colpito da un oggetto a forte velocità (ad esempio sparato da un tosaerba) o da un oggetto appuntito.

Chiamate il medico successivamente se:

  • il bambino ha meno di 3 anni e il trauma ha lasciato qualsiasi segno (“occhio nero”, sanguinamento sul bulbo oculare, ecc.);
  • vi è qualsiasi dubbio riguardo la vista del bambino;
  • avete qualsiasi dubbio da chiarire.

Cosa fare

Negli altri casi:

1. in caso di ferita superficiale della pelle, seguire le indicazioni per le ferite cutanee.

2. in caso di gonfiore delle palpebre e della pelle intorno all’occhio:

  • applicate ghiaccio per 20 minuti almeno;
  • somministrate paracetamolo per il dolore;
  • non allarmatevi se “l’occhio diventa nero” o presenta delle piccole emorragie nella parte bianca (sclera): la situazione migliorerà nel giro di 2 settimane, senza bisogno di alcun trattamento.

Prevenzione

  • Non comprate al bambino armi giocattolo ad aria o a molla.
  • Non lasciate che il bambino gironzoli attorno a voi mentre usate un tosaerba o una motosega o altri attrezzi che possono produrre schegge.
  • Non lasciate che il bambino giochi con oggetti appuntiti.