​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate e autorevoli sulla salute del bambino. I contenuti sono scritti esclusivamente da medici pediatri e da professionisti qualificati in ambito medico-sanitario.

Traumi ai genitali

bambino piange disperato strofinandosi occhio

I traumi ai genitali nell’infanzia sono per lo più contusioni degli organi genitali esterni (testicoli e pene nel maschio, grandi labbra nella femmina), causati da calci, pallonate o dal sellino della bicicletta. Relativamente frequente è il pizzicamento della punta del pene nella cerniera lampo. Guariscono rapidamente in 3-4 giorni. E’ raro che simili situazioni provochino anche lesioni ai genitali interni o alle vie urinarie.

I sintomi dei traumi ai genitali

Il sintomo più tipico è il dolore, che può essere molto forte e durare anche diverse ore, con gonfiore della parte colpita (testicolo o grandi labbra), seguito dalla comparsa di un livido.
Possibili anche tagli superficiali, che possono causare un forte sanguinamento, (poiché, soprattutto se la lesione interessa la punta del pene o il clitoride, la cute è molto ricca di sangue).
Raramente il dolore persiste o peggiora oltre le 12 ore, o compare sangue nelle urine, o esce sangue dalla vagina, o il bambino ha difficoltà ad urinare (tutti segni possibili di lesioni interne).

Quando consultare il medico

Consultare il medico immediatamente se:

  • la pelle è lacerata e probabilmente necessita di punti di sutura, oppure il sanguinamento non si ferma dopo 10 minuti di pressione della parte colpita;
  • il dolore è molto forte;
  • il bambino fa fatica a urinare o vi è sangue nelle urine;
  • il bambino ha le vertigini o sviene quando si alza in piedi;
  • inoltre nel maschio
    • lo scroto è gonfio;
  • oppure nella femmina
    • dalla vagina esce sangue;
    • il trauma è stato causato da un oggetto appuntito che potrebbe essere penetrato in vagina;
  • avete qualsiasi dubbio da chiarire.

Consultare il medico successivamente se compare difficoltà ad urinare.

Anche se la causa è in genere accidentale, in presenza di evidenze traumatiche ai genitali di cui non sia possibile spiegare la causa, non è da escludere la possibilità di un maltrattamento o di una violenza sessuale: in caso di dubbio, valutate con il vostro pediatra l’opportunità di una diagnosi da parte di uno specialista con formazione specifica.

Cosa fare

Negli altri casi:

  • per i tagli superficiali, attenersi alle indicazioni per le ferite cutanee;
  • per il gonfiore: applicare ghiaccio per 20 minuti.