​​

Informazioni e consigli sulla crescita e la salute del bambino, scritti esclusivamente da medici pediatri e professionisti qualificati.

Le vaccinazioni del primo anno di vita del bambino

Nel primo anno di vita il tuo bambino riceverà le prime vaccinazioni. Si tratta di un percorso che inizia nel primo anno e che proseguirà durante l’infanzia e l’adolescenza (e anche l’età adulta).

Il calendario vaccinale italiano, elaborato dal Ministero della Salute, prevede per tutti i nuovi nati alcune vaccinazioni obbligatorie e alcune facoltative (ma raccomandate!).

Tutte le vaccinazioni sono gratuite.

In pratica: riceverai una convocazione da parte della ASL competente territorialmente per le vaccinazioni obbligatorie. In quell’occasione, potrai richiedere la somministrazione dei vaccini facoltativi.

Tutte le vaccinazioni eseguite dal tuo bambino vengono registrate sul certificato vaccinale che seguirà il tuo bambino durante la crescita.

Le vaccinazioni obbligatorie previste per il primo anno di vita sono:

  • antipolio: protegge contro la polio (malattia gravissima scomparsa dall’Italia ma sempre a rischio di ritornarvi) sia il tuo bambino che tutta la popolazione (si chiama immunità di gregge: se la gran parte dei singoli non può contrarre la malattia perchè vaccinata, non può neppure trasmetterla ad altri);
  • antidifterite: anche la difterite è una gravissima malattia che continua a circolare in paesi esteri soprattutto dell’ex Unione Sovietica, e quindi la vaccinazione serve a mantenere l’immunità di gregge contro eventuali ricomparse del batterio anche in Italia;
  • antitetanica: protegge dal tetano, complicazione pericolosissima sempre in agguato in caso di ferita, a qualsiasi età, se non coperta dalla vaccinazione;
  • antipertosse: si tratta di una vaccinazione “vitale” per i bambini piccoli, in cui la pertosse può avere conseguenze drammatiche;
  • antiepatite B: protegge contro i rischi di seri danni al fegato dovuti al virus dell’Epatite B;
  • antihaemofilo: l’Haemofilus Influenzae è una delle tre più comuni cause (insieme a pneumococco e meningococco), di meningite e setticemia, oltre che di otiti.

Le vaccinazioni facoltative sono:

  • antipneumococco: il pneumococco è un batterio, principale responsabile, oltre che di otiti, bronchiti e polmoniti, anche della gravissima malattia invasiva da Pneumococco (meningite e setticemia). La vaccinazione protegge efficacemente contro di esso;
  • antimeningococco B: insieme all’Antimeningococco C (raccomandata ai 15 mesi di vita del bambino), protegge contro la più frequente causa di meningite e setticemia;
  • antirotavirus: è l’unica vaccinazione somministrata per bocca, sotto forma di gocce, e protegge contro un virus responsabile di gastroenteriti che spesso richiedono ricovero in ospedale, soprattutto in caso di bambini molto piccoli.

I vaccini contro difterite, tetano, pertosse, epatite b, polimelite e HI tipo b vengono somministrati tutti insieme, con un’unica puntura (questa vaccinazione si chiama infatti esavalente) al 3°, 5° e 11 mese di vita. Durante la stessa seduta può essere somministrata la vaccinazione contro il rotavirus che non richiede una puntura, perché il vaccino è in gocce che vengono assunte per bocca. Il vaccino contro il meningococco B, invece, deve essere somministrato in seduta separata: se decidi di far vaccinare il tuo bambino, l’ufficio vaccinale ti darà un appuntamento per eseguirlo.

Alcune di queste vaccinazioni prevedono dosi di “richiamo” (cioè di rafforzamento della difesa immunitaria indotta dalle prime dosi) dopo l’anno di vita.

Prima della vaccinazione avrai un colloquio con il medico vaccinatore, nel quale potrai chiarire eventuali dubbi. Se il tuo bambino, per particolari condizioni di salute (come ad esempio una malattia o una terapia che riduce le difese immunitarie), non può eseguire la vaccinazione, sarà il tuo pediatra a prendere contatto con la ASL per segnalare che il tuo bambino non può eseguire le vaccinazioni obbligatorie.

Le vaccinazioni sono sicure e fondamentali per assicurare al tuo bambino la protezione da malattie potenzialmente gravisssime e a volte mortali.

In caso di inadempimento (cioè se i genitori rifiutano le vaccinazioni obbligatorie) sono previste sanzioni amministrative e il bambino non potrà accedere al sistema scolastico (asilo nido).

Non farti condizionare dalla cattiva informazione: potresti mettere il tuo bambino in grave pericolo. Per qualsiasi dubbio, rivolgiti al tuo Pediatra di fiducia.

Pediatra libero professionista a Bergamo. Tutor di Pediatria per il corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia – Università degli Studi di Milano Bicocca.

Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.