​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate e autorevoli sulla salute del bambino. I contenuti sono scritti esclusivamente da medici pediatri e da professionisti qualificati in ambito medico-sanitario.

Perché vaccinare contro il rotavirus?

Il rotavirus è un germe altamente contagioso che può causare gravi diarree della durata di 3-8 giorni, solitamente accompagnate da vomito e febbre (gastroenterite acuta). Il virus si diffonde più spesso tra novembre e marzo, soprattutto tra i bambini che frequentano l’asilo nido o la scuola materna. La malattia può avere un decorso particolarmente grave sotto i due anni di età, ponendo il piccolo a rischio di disidratazione che, in rarissimi casi, può essere addirittura mortale.

Perché è opportuno vaccinare contro il rotavirus

La vaccinazione antirotavirus ha lo scopo soprattutto di proteggere i lattanti e i bambini piccoli, particolarmente a rischio di incorrere in forme gravi di gatsroenterite da rotavirus.

La vaccinazione è particolarmente utile perché:

  • la gastroenterite da rotavirus è la principale causa di ricovero in ospedale dei bambini, ed è particolarmente pericolosa nei bambini sotto i due anni;
  • l’ospedalizzazione costituisce un’esperienza traumatica per il bambino, rappresenta un elemento di grande stress emotivo per la famiglia ed un peso economico e sociale per il costo del ricovero stesso e  la perdita di diverse giornate lavorative da parte dei genitori;
  • la vaccinazione è altamente efficace (quasi al 100%),  nel prevenire le formi gravi di gastroenterite da rotavirus, e in oltre il 70% dei casi nel prevenire del tutto la malattia;
  • la vaccinazione protegge non solo il soggetto vaccinato, ma anche chi si occupa del bambino.

Il vaccino è sicuro?

Come tutti i vaccini, anche quello contro il rotavirus può provocare reazioni indesiderate, ma queste non sono frequenti e solitamente sono di lieve entità e di breve durata. Le più comuni sono vomito, diarrea, febbre, irritabilità, perdita di appetito e di sonno.

Il vaccino antirotavirus comporta un rischio leggermente aumentato di invaginazione intestinale (condizione in cui una parte dell’intestino si incastra nella parte vicina, con conseguente difficoltà del passaggio delle feci e talora occlusione intestinale),  e sono pur sempre possibili, anche se rare, eventuali reazioni allergiche (difficoltà a respirare, orticaria, gonfiore alle labbra).

E’ bene però sapere che il vaccino è sicuro e ben tollerato e che gli effetti avversi gravi sono molto rari.

Quindi, meglio vaccinare?

Certamente sì, perché il bilancio costi benefici è nettamente a favore di quest’ultimi!

Pediatra di Famiglia a Bergamo (BG) – Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo, Regione Lombardia. Tutor di Pediatria per il corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia – Università degli Studi di Milano Bicocca.

Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.