​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate e autorevoli sulla salute del bambino. I contenuti sono scritti esclusivamente da medici pediatri e da professionisti qualificati in ambito medico-sanitario.

La vaccinazione contro il rotavirus

esecuzione di vaccinazione ad un neonato per via orale

Cos’è il rotavirus

Il rotavirus è un germe altamente contagioso che può causare gravi diarree della durata di 3-8 giorni, solitamente accompagnate da vomito e febbre (gastroenterite acuta). Il virus si diffonde più spesso tra novembre e marzo, soprattutto tra i bambini che frequentano l’asilo nido o la scuola materna. Questa fascia di età è più soggetta ad ammalarsi perché il contagio avviene per lo più per via feco-orale, quando i bambini portano alla bocca le mani contaminate dal virus presente nell’ambiente. Il periodo di incubazione è di circa 2 giorni, dopodiché si manifesta la malattia, che può avere un decorso particolarmente grave sotto i due anni di età, ponendo il piccolo a rischio di disidratazione che, in rarissimi casi, può essere addirittura mortale.

La terapia si basa sulla reidratazione con apposite soluzioni da somministrare a casa per bocca o, nei casi più gravi, in ospedale per via endovenosa. La guarigione non protegge da eventuali nuove infezioni, ma se queste si ripresentano hanno un decorso più lieve.

La prevenzione dipende dall’igiene delle mani e degli ambienti dove i bambini vengono accuditi dopo l’evacuazione ma, per quanto accurata, non può impedire del tutto il diffondersi della malattia, perché il virus è resistente nell’ambiente e può essere ingerito anche attraverso acqua e cibo contaminati o persino attraverso le goccioline di saliva. Da qui l’importanza di avere sviluppato un vaccino che possa proteggere da questa infezione.

Il vaccino contro il rotavirus

Attualmente in Italia sono disponibili 2 vaccini vivi attenuati contro il rotavirus:

  1. uno monovalente, derivato da un ceppo umano di rotavirus;
  2. uno pentavalente, derivato da una combinazione di ceppi umani e bovini di Rotavirus. Entrambi i vaccini si somministrano per bocca.

Chi vaccinare

Tutti i bambini sani possono essere vaccinati contro il rotavirus, ma i candidati ideali sono:

  • piccoli che frequentano l’asilo nido entro i 12 mesi;
  • piccoli che hanno fratelli di 3 anni o meno.

Chi non vaccinare

In caso di infezione acuta febbrile o in presenza di vomito e/o diarrea, la vaccinazione va posticipata. Invece non devono essere vaccinati del tutto i bambini che hanno sofferto di invaginazione intestinale o quelli affetti da malattia gastrointestinale cronica, immunodeficienza o allergia a uno dei componenti del vaccino.

Dosi e calendario

  • Il vaccino pentavalente richiede la somministrazione di 3 dosi a distanza di almeno un mese l’una dall’altra. La prima dose dovrebbe essere somministrata tra le 6 e le 12 settimane;
  • il vaccino monovalente richiede la somministrazione per bocca di 2 dosi a distanza di almeno 4 settimane. La prima dose può essere somministrata dalla 6a settimana. Il ciclo vaccinale dovrebbe essere effettuato preferibilmente entro la 16a settimana di età, in ogni caso entro le 24 settimane di vita.

Possono essere somministrati assieme ad altri vaccini, ad eccezione del vaccino antipolio orale, dal quale devono trascorrere due settimane.

Non è necessario il digiuno prima della vaccinazione e il bambino può mangiare anche subito dopo la somministrazione

E’ buona norma che chiunque accudisca il bambino nei 15 giorni successivi alla vaccinazione si lavi accuratamente le mani dopo aver cambiato il pannolino e prima di mangiare e preparare il cibo.

Efficacia

Entrambi i vaccini si sono dimostrati efficaci quasi al 100% nel prevenire le formi gravi di gastroenterite da rotavirus, e in oltre il 70% dei casi prevengono del tutto la malattia.

Effetti collaterali

Come tutti i vaccini, anche quello contro il rotavirus può provocare reazioni indesiderate, ma queste non sono frequenti e solitamente sono di lieve entità e di breve durata. Le più comuni sono vomito, diarrea, febbre, irritabilità, perdita di appetito e di sonno. Con questi vaccini non sono mai state riportate reazioni gravi, ma è importante prestare attenzione all’insorgenza di eventuali reazioni allergiche (difficoltà a respirare, orticaria, gonfiore alle labbra).

Pediatra di Famiglia a Cantù (CO) - Agenzia di Tutela della Salute dell'Insubria, Regione Lombardia. Tutor di Pediatria per il corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia – Università degli Studi di Milano Bicocca.

Le informazioni di tipo sanitario contenute in queste pagine non possono in alcun modo intendersi come riferite al singolo e sostitutive dell'atto medico; per i casi personali si invita sempre a consultare il proprio Pediatra. I contenuti di queste pagine sono soggetti a verifica e revisione continua; tuttavia sono sempre possibili errori e/o omissioni. amicopediatra.it non è responsabile degli effetti derivanti dall'uso di queste informazioni.