​​

Amico Pediatra è un sito di informazioni complete, accurate e autorevoli sulla salute del bambino. I contenuti sono scritti esclusivamente da medici pediatri e da professionisti qualificati in ambito medico-sanitario.

Allergia ai pollini o coronavirus?

bambino con maglietta azzurra si gratta il naso con la mano

Con l’arrivo della primavera e delle temperature più miti cominciano a manifestarsi i sintomi dell’allergia ai pollini. Nel periodo attuale di emergenza Covid-19, questo può creare qualche dubbio nei genitori rispetto alla possibilità che, invece di allergia, si tratti di infezione da coronavirus.

Vediamo come si manifesta l’allergia ai pollini e come invece si manifesta il Covid-19 e come è possibile distinguere i sintomi.

Come si manifesta l’allergia ai pollini

L’allergia ai pollini ha andamento tipicamente stagionale: i sintomi si manifestano solo in un determinato periodo dell’anno, quello cioè corrispondente alla fioritura della pianta cui il polline appartiene, e tendono ad accentuarsi all’aperto, ma anche la notte e al mattino al risveglio.

L’inizio dei sintomi è solitamente graduale. A seconda dei casi, il bambino può presentare:

  • rinite, caratterizzata da naso chiuso, prurito nasale e scolo nasale acquoso;
  • congiuntivite, caratterizzata da arrossamento, intenso prurito e lacrimazione abbondante; spesso si associa alla rinite;
  • asma, caratterizzata da tosse, difficoltà respiratoria, respiro sibilante.

Come si manifesta il Covid-19

I sintomi ricordano quelli di una normale influenza: febbre, tosse secca, stanchezza sono i sintomi più frequenti, ma il bambino può anche avere mal di gola, diarrea, nausea e talora vomito, mal di testa, brividi e dolori diffusi, malessere generale. Possono anche essere presenti alterazioni o mancanza del gusto (disgeusia o ageusia), o dell’olfatto (anosmia).

I sintomi si presentano di solito improvvisamente, e la loro intensità varia da caso a caso, ma solitamente è davvero molto lieve e dopo circa 1 settimana il bambino ha già recuperato il benessere.

In una piccola percentuale di casi si può avere una bronchite o una broncopolmonite, anche questa (se opportunamente trattata)  a evoluzione favorevole. Ancora meno frequenti sono le forme gravi, che richiedono ricovero ed assistenza respiratoria.

Come capire se è allergia o Covid-19?

E’ più difficile capirlo se l’allergia provoca asma, perché anche l’asma si manifesta con tosse e con difficoltà respiratoria, tuttavia diversi indizi possono aiutarci, e soprattuto aiutare il pediatra (cui spetta sempre l’ultima parola), a orientarsi.

Si tratta più probabilmente di allergia se…

1. Il bambino ha:

  • prurito al naso, con scolo nasale abbondante e chiaro e naso tappato;
  • prurito agli occhi, con lacrimazione abbondante e senza secrezioni gialle;
  • prurito in gola o al palato e alla bocca, soprattutto quando mangia alcuni tipi di frutto;
  • tosse ed eventualmente respiro sibilante, che migliora subito con un farmaco broncodilatatore somministrato per aerosol o meglio con puff.

2. I sintomi cominciano gradualmente e si manifestano o si accentuano quando il bambino sta all’aperto e migliorano se sta in casa; oppure se peggiorano la notte, soprattutto se non si ha avuto l’attenzione a coprire il letto e il cuscino durante il giorno e a lavare i capelli la sera. Fanno eccezione i bambini allergici anche a animali e acari, che possono addirittura peggiorare i sintomi al chiuso.

3. Il bambino ha già una diagnosi di allergia a pollini, ha già avuto in passato sintomi analoghi, e il calendario dei pollini conferma che ci si trova in un periodo di alta circolazione dei pollini cui è allergico.

Si tratta più probabilmente di Covid-19 se…

1. Il bambino ha:

  • febbre;
  • dolori diffusi;
  • spossatezza;
  • mal di testa;
  • respiro affannoso e soprattutto molto frequente;
  • diarrea o vomito;
  • alterazioni del gusto e/o dell’olfatto (nell’allergia il bambino può non sentire bene gli odori, ma non ha mai alterazioni del gusto).
  • starnuti “esplosivi” e a salve (nell’allergia gli starnuti sono spesso isolati e “normali”)

2. I sintomi cominciano improvvisamente e non cambiano significativamente tra stare all’aperto o al chiuso

3. Altri membri familiari hanno sintomi analoghi o sono stati diagnosticati come Covid-19, o il bambino ha comunque avuto un contatto stretto con un caso di Covid-19.

Terapia dell’allergia e Covid-19

Il bambino con allergia in genere e in particolare con allergia a pollini può e deve essere curato come al solito perchè:

  • i farmaci antiallergici per via inalatoria (spray nasali, puff) o per bocca (antistaminici e cortisonici compresi) non favoriscono l’infezione da Covid-19 né la peggiorano se è già in atto
  • il controllo dei sintomi con una corretta e tempestiva terapia riduce il rischio di accesso al Pronto Soccorso o comunque ad ambienti a rischio di contrarre il Covid-19
  • è più facile eventualmente identificare i sintomi di un’infezione da Covid-19
  • un controllo non adeguato di problemi come l’asma allergico rende più rischioso il caso che il bambino si infetti col Coronavirus
  • controllare con la terapia la tosse e gli starnuti del  bambino allergico riduce comunque il rischio che possa diffondere nell’ambiente il Coronavirus

Alcuni aspetti tuttavia della terapia richiedono attenzione:

  • Meglio evitare il ricorso all’aerosol, in quanto rischia maggiormente di diffondere nell’ambiente il virus e quindi di contagiare gli altri familiari; meglio quindi ricorrere, in piccoli e grandi, agli spray con distanziatore
  • Se il bambino esegue periodicamente o è comunque previsto un controllo con spirometria, meglio rimandarlo, per il rischio anche qui di diffondere il virus per via aerea agli operatori
  • Se il bambino sta seguendo una terapia desensibilizzante con vaccino antiallergico per via orale deve sospenderla se ha sintomi respiratori, febbre, o comunque è stato a contatto con soggetti affetti da Covid-19

Allergia e Covid-19: non tutto il male vien per nuocere

E’ vero che la concomitanza tra periodo pollinico e pandemia da Covid-19 pone qualche problema, ma vi sono anche alcuni aspetti positivi da considerare:

  • La mascherina, oltre che proteggere soprattutto gli altri familiari dalle particelle virali emesse dal bambino con tosse, starnuti o conversazione, esercita anche un’azione protettiva anche rispetto all’allergia, soprattutto all’aperto, in quanto le particelle di polline, del calibro variabile da 1 a 15 micron, vengono almeno in parte intrappolate dal filtro
  • Il lock down, e in generale i provvedimenti di distanziamento e controllo della trasmissione virale, oltre che ridurre temporaneamente la diffusione del Covid-19, ha anche ridotto le altrimenti molto più frequenti infezioni respiratorie normalmente circolanti in nidi e scuole, che sicuramente non aiutano l’allergico.

Contatta il tuo pediatra in caso di sintomi respiratori

Spetta al pediatra valutare i sintomi e fare una diagnosi, per cui se il bambino presenta sintomi respiratori, è bene contattarlo.

 


Qui puoi trovare alcuni utili approfondimenti su allergia ai pollini e bambini

Qui invece puoi trovare alcune informazioni e consigli per le mamme e i papà in questo momento di emergenza da Covid-19